Fernando Alonso ai tempi della Ferrari – Getty images
in foto: Fernando Alonso ai tempi della Ferrari – Getty images

L'apparente torpore della Formula 1, dato da una Mercedes che dopo appena sei gare sembra già aver chiuso la lotta al titolo in attesa di un risveglio da parte Ferrari, è stato scosso dall'ipotesi che Sebastian Vettel, stanco dalle continue batoste e dal crescente gradimento della scuderia italiana nei confronti di Charles Leclerc, possa abbandonare la Rossa già al termine della stagione. Un'ipotesi, quella nata nel paddock di Monaco, che avrebbe del clamoroso e che potrebbe aprire a scenari fino ad ora mai esplorati.

Alonso in lizza per il dopo Vettel

Tra i nomi circolati per l'eventuale dopo Vettel ci sono Sergio Perez, Kevin Magnussen, Romain Grosjean e Valtteri Bottas; tutte soluzioni di basso profilo – eccezion fatta forse per il finlandese – che permetterebbero a Leclerc di avere la leadership in seno alla squadra lottando per il mondiale senza la presenza ingombrante di un campione del mondo come il tedesco. Nelle ultime ore, però, sembra prendere corpo, come riportato da Marca, anche una candidatura eccellente come quella di Fernando Alonso. Un ritorno che sarebbe certamente clamoroso e permetterebbe da un alto allo spagnolo di rientrare in Formula 1 dalla porta principale tenendo fede a quanto detto fino ad ora sull'opportunità di tornare solo a patto di poter lottare per il titolo e alla Rossa di avere un pilota esperto al volante della propria vettura senza lasciare tutto sulle spalle del giovane Leclerc.

I motivi che spingono lo spagnolo alla Rossa

Un'ipotesi che, per quanto possa sembrare assurda, si basa su un fondo di verità: è innegabile che la storia tra la Ferrari e Alonso, forse da entrambe le parti, non sia terminata nel modo migliore, o almeno in quello che sia la scuderia sia lo spagnolo avrebbero sognato. I due mondiale persi per una manciata di punti bruciano ancora tanto e ritrovarsi dopo qualche anno di nuovo insieme sarebbe il lieto fine di una favola tutta da raccontare. Inoltre la Rossa di Maranello è cambiata molto dall'ultima volta che Alonso ha messo piede nel quartier generale del Cavallino e, stando sempre a quanto riportato da Marca, Mattia Binotto, seppur sottovoce, si è sempre dichiarato un fan del due volte campione del mondo. Da non sottovalutare, poi, ci sarebbe anche l‘aspetto economico; Alonso, infatti, nonostante il periodo di sosta, ha ancora parecchio appeal non solo come pilota, ma anche come testimonial e in questo modo potrebbe garantire anche un discreto introito alle casse Ferrari da investire magari nello sviluppo e, di contro, proprio a causa dell'età e dell'anno sabbatico, non potrebbe pretendere un ingaggio da top driver. Sono solo ipotesi, almeno per il momento, ma il ritorno di Alonso, qualora Vettel decidesse di sua spontanea volontà di lasciare il Cavallino, sarebbe una favola che la maggior parte dei tifosi della Rossa sarebbe ben felice di vivere.