Le qualifiche del GP di Monaco, come da tradizione, sono state piene di sorprese: tra quelle negative a spiccare è stato senza dubbio l'errore strategico della Ferrari che, calcolando male i tempi del taglio, ha costretto Charles Leclerc all'eliminazione nel Q1 facendo così scattare il monegasco, alla prima gara di casa sulla Rossa, dalle retrovie.

Charles Leclerc – LaPresse
in foto: Charles Leclerc – LaPresse

Giovinazzi retrocesso, Leclerc scatterà 15°

A rendere leggermente meno amaro il bilancio, però, è arrivata la penalizzazione di Antonio Giovinazzi, retrocesso di 3 posizioni per aver ostacolato la Renault di Nico Hulkenberg: i commissari, dopo aver ascoltato il pilota italiano e i membri del team Alfa Romeo Racing, ha deciso di sanzione il pugliese facendo di fatto guadagnare una posizione a Leclerc che scatterà 15° anziché 16°. Un piccolissimo miglioramento per il monegasco ma che, su una pista dove superare è complicatissimo, rappresenta un passo avanti in una rimonta praticamente impossibile.

Anche la Red Bull di Gasly penalizzata

Non solo Antonio Giovinazzi, però, è stato sanzionato dopo la qualifica: a pagare è stato anche Pierre Gasly che ostacolando la Haas di Grosjean nella Q2 si è visto retrocedere di 3 posizioni scalando così dalla quinta, subito alle spalle di Sebastian Vettel, all'ottava casello dello schieramento, allentando così a morsa sul tedesco della Ferrari che dopo il turno che stabilisce l'ordine di partenza si era visto stretto tra le due Red Bull, principali avversarie nella gara di Monaco visto che le Mercedes sembrano fare una gara a parte. Anche il francese sarà quindi chiamato alla rimonta, così come le due Alfa Romeo Racing e soprattutto Leclerc: elementi che aggiungono quella dose di spettacolarità che non manca di certo a una delle gare più iconiche della Formula 1 come il Gran Premio che si corre nel Principato di Monaco.