La Francia è ormai alle spalle e la Ferrari, sulla pista austriaca di proprietà della Red Bul, vuole tornare a dimostrare, come successo già in Canada, di aver intrapreso la strada giusta: le prove libere, con il 2° tempo di Sebastian Vettel nella prima sessione ottenuto con una mescola meno prestazionale rispetto a quella utilizzata da Lewis Hamilton, e il miglior crono fatto registrare da Charles Leclerc nella seconda rappresentano, per la Rossa, segnali decisamente incoraggianti in grado di accendere l'entusiasmo dei tifosi.

Charles Leclerc – LaPresse
in foto: Charles Leclerc – LaPresse

I mondiali, sia quello piloti sia quello costruttori, non passano di certo dall'Austria; troppo ampio il gap dalla Mercedes per sperare di lanciare la rimonta, ma già togliere quel fastidioso zero dalla casella delle vittorie rappresenta per Leclerc un motivo in più per chiudere davanti a tutti nella tappa austriaca della Formula 1 2019.

Le condizioni oggi erano difficili, ma mi sentivo abbastanza a mio agio con la macchina. Il long run con le gomme medie è stato un po' complicato ma è stata una giornata tutto sommato positiva quindi siamo felici – ha dichiarato il monegasco ai cronisti presenti sul tracciato -. Dobbiamo lavorare per continuare a progredire e rimanere davanti alle Mercedes anche nelle qualifiche dove credo che saranno molto più veloci. Sarà difficile batterle ma non impossibile.

Vettel: "Rimaniamo prudenti, ma possiamo migliorare"

Miglior tempo per il monegasco, solo 8°, invece, Sebastian Vettel, autore di un lungo in curva che, dopo gli incidenti di Bottas e Verstappen, ha rischiato di tirare fuori dalla mischia anche il tedesco. Fortunatamente per il pilota della Ferrari nessun danno, ma solo un grande spavento: "È normale attaccare un po' nelle prove libere. Sfortunatamente non sono riuscito a completare il long run con la soft ma al di là di questo l'incidente non ha avuto alcun impatto sull'auto che è in buone condizioni. Mi sono fermato in tempo. Nelle prove libere andiamo sempre un po' meglio rispetto a qualifiche e gara quindi rimaniamo prudenti. Continuiamo a provare diverse cose per cercare di avvicinarci alle Mercedes; possiamo ancora migliorare la macchina sfruttando anchela pista" ha concluso il tedesco.