La sua avventura nel modo dei motori è appena iniziata, ma Mick Schumacher sembra avere già le idee molto chiare: l'obiettivo del tedesco, appena entrato nell'Academy Ferrari, è quello di correre un giorno in Formula 1 ricalcando almeno in parte le orme del padre, il più vincente nella storia del Circus con ben 7 titoli mondiali all'attivo dei quali 5 consecutivi conquistati al volante della Rossa.

Mick Schumacher – LaPresse
in foto: Mick Schumacher – LaPresse

Schumacher sarà assistito da Nicolas Todt

Una strada, quella che attende il giovane Schumacher, simile a quella di Charles Leclerc: anche il monegasco, infatti, arrivò in Formula 2 da campione correndo con il team Prema- la stessa scuderia con la quale scenderà in pista Mick Schumacher – per poi arrivare in Formula 1 prima all'Alfa Romeo Sauber, scendendo in pista con la Ferrari come tester, e dal prossimo anno come pilota ufficiale del Cavallino. Un esempio che il giovane Schumacher spera di ripercorrere assistito dallo stesso manager che cura gli interessi del neo pilota Ferrari: il campione della Formula 3, infatti, si è legato alla All Road Management, la società di Nicols Todt, figlio del presidente FIA che gestisce anche gli interessi di Leclerc.

Non vuole lasciare nulla al caso Mick Schumacher pianificando per tempo il suo ingresso in Formula 1: secondo quanto riportato da Autosport, infatti, non è da escludere un impegno, seppur solo per qualche sessione di prove libere, con scuderie come Haas e Sauber, vicine alla Ferrari e con le quali Todt ha già avuto rapporti in passato. Dopo la buona impressione nella Race of Champions, dove è riuscito a battere persino Sebastian Vettel, nulla sembra essere precluso a Schumacher che, grazie anche all'aiuto di Nicolsa Todt, potrebbe presto fare il proprio debutto nella massima serie del motorsport. Schumacher-Todt, un'accoppiata che in passato fece la fortuna del Cavallino, potrebbe di nuovo tornare in auge, seppur con ruoli diversi.