Andrea Dovizioso / Getty Images
in foto: Andrea Dovizioso / Getty Images

La gara di Sepang, l’ultima del trittico, si chiude con il sesto posto per Andrea Dovizioso e un ritardo di oltre 11 secondi dal vincitore. Un gap che suona come uno smacco per il team di Borgo Panigale, in particolare su una pista che avrebbe dovuto essere favorevole alle Rosse ma dove sono invece emersi dei limiti probabilmente rimasti nascosti finora. “Sono deluso perché non sono riuscito a fare la gara che mi aspettavo – ha ammesso Dovizioso – Ci tenevo a fare la gara sull’asciutto perché siamo spesso andati forte nei test e in prova, come stava andando nel weekend di gara ieri e venerdì, ma ho fatto davvero fatica. Ho sofferto molto la mancanza di grip ma dobbiamo studiare con calma i dati per capire se c’era qualcosa che non funzionava al cento per cento o quelli di oggi erano dei nostri limiti”.

2° nel mondiale "grazie all'errore di Rossi"

Nonostante l’amarezza, il risultato di Sepang permette a Dovizioso di avere la certezza aritmetica del secondo posto nella classifica piloti, regalando alla Ducati la piazza d’onore nel mondiale costruttori. “Alla fine, grazie all’errore di Valentino Rossi in gara, siamo riusciti a portare a casa la seconda posizione nel campionato piloti e in quello costruttori – ha aggiunto DesmoDovi parlando della caduta che nel finale ha messo k.o. il DottoreVale stava facendo una gara strepitosa, con grande passo, ma con l’errore che ha fatto ci permesso confermare la seconda posizione. Sono contento di questo risultato anche se quest’anno non siamo riusciti a contrastare veramente Marquez”. All’appello manca solo l’ultima gara del campionato, a Valencia. “Una pista dove in passato abbiamo fatto sempre fatica anche se l’anno scorso non eravamo tanto lontani. Mi aspetto di essere abbastanza veloce, sarà un altro test importante. Ringrazio la squadra perché siamo riusciti a fare un ottimo lavoro, soprattutto da meta stagione in poi, ma non basta ancora e quindi dovremo continuare a lavorare con impegno”.

"Bagnaia? Curioso di vedere cosa farà in MotoGP"

Infine, Dovizioso ha fatto i suoi complimenti a Pecco Bagnaia che a Sepang ha conquistato il titolo di campione del mondo Moto2: “Sono stracontento per lui. Non lo conosco benissimo ma mi sembra un ragazzo veramente bravo. Quest’anno è riuscito a fare l’ultimo step per vincere la Moto2. Oliveira è stato molto bravo, tanti italiani sono andati forte in Moto2 ma lui è arrivato pronto. In questo si vedono i campioni, il ‘click' lo ha fatto quest’inverno, e si è capito nella prima gara in Qatar. È stato davvero bravo, non è solo una questione di vincere il campionato, perché ci sono stati campioni del mondo, ma lui ha convinto più di tanto”. Infine una battuta sul salto in MotoGP di Bagnaia che nella prossima stagione sarà pilota Ducati e difenderà i colori del team Pramac: “Sono molto contento di averlo nella nostra squadra e veramente curioso di vedere cosa può fare con noi”.

Pirro: "Peccato per la caduta, potevo fare bene"

Sfortunata la gara di Michele Pirro che, salito solo sabato sulla Desmosedici GP in sostituzione di Jorge Lorenzo, è stato costretto al ritiro dopo una caduta nelle prime fasi di gara. “Aver fatto solo un turno sull’asciutto, con la gara di oggi asciutta, sicuramente mi ha un po’ svantaggiato – ha ammesso il tester Ducati  – Sono partito abbastanza bene e un po’ alla volta stavo recuperando quando ho perso l’anteriore all’ultima curva, probabilmente perché ho forzato un po’ di più e sono scivolato. Non me l’aspettavo perché stavo cercando di fare una gara costante. Mi dispiace per il team, ed è un peccato aver finito la gara così, perché potevo stare nei primi dieci e invece non sono riuscito a portare a casa punti per la squadra”.