Davvero un brutto gesto quello di un commissario di pista a Jerez, subito dopo la bandiera a scacchi del GP di Spagna vinto da Marc Marquez davanti ad Alex Rins. Per festeggiare il suo secondo podio consecutivo dopo l’ultima vittoria ad Austin, Rins ha affidato la sua moto nelle mani di un marshall che, pensando di non essere visto, ha rapidamente staccato qualcosa dalla moto, mettendola in tasta. Quello che il commissario non sapeva, è che le due telecamere installate sulla moto di Rins stavano catturando e trasmettendo in tv il suo furto, un video diventato virale sui social. Un comportamento completamente opposto a quello del suo collega che in Argentina aveva invece “rubato” un selfie con la moto di Valentino Rossi.

Ruba la polsiera della moto di Rins

A margine della conferenza stampa, Rins ha spiegato di aver visto le immagini già prima di rispondere alle domande dei giornalisti, incredulo per il furto subito. "Non ho parole per definirlo. È la polsiera del serbatoio del liquido dei freni, sono sicuro che è già su internet a cinquemila euro – ha scherzato Rins a Motorsport.com. Secondo Simon Patterson, un giornalista di MCN, il management del circuito di Jerez avrebbe identificato il commissario, costringendolo a recarsi personalmente al box Suzuki per scusarsi con il pilota spagnolo e restituire la polsiera rubata. Diversi piloti hanno dato il loro punto di vista sul gesto del commissario. Tra i più critici lo spagnolo Efren Vazquez: "Un marshall del circuito di Jerez ruba la polsiera dalla moto di Rins e se la mette in tasca. Io te l'avrei regalata e invece, adesso, sarai in tutti i video per uno squallido ricordo".