Ancora una doppietta in qualifica e grande soddisfazione per il duo di Borgo Panigale che si mette di nuovo dietro il diretto rivale in campionato. Per la terza volta di fila a conquistare la pole position è Jorge Lorenzo che nelle qualifiche di Aragon riuscito a sfruttare le fasi finali del turno, conquistando la quarta partenza al palo stagionale. “È stato difficile mantenere la calma e la concentrazione. C’era molto traffico, avevo quattro piloti davanti ed ero preoccupato di non riuscire a fare il giro” ha detto il maiorchino al parco chiuso.

Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso al parco chiuso di Aragon / Ducati
in foto: Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso al parco chiuso di Aragon / Ducati

Lorenzo: "Terza pole di fila, per poco"

Per fortuna gli hanno spinto e mi hanno lasciato un po’ libero. La gomma non era al cento per cento, avevo già fatto tre giri e non aveva la stessa performance. Ma è bastata per prendere la pole, per poco, perché il tempo di Dovi e il mio sono molto simili. Sono contento e credo che abbiamo un grande ritmo per la gara”. Una volta al backdrop, Lorenzo è tornato sul time attack decisivo. “C’erano molti piloti che cercavano la scia e ci sono stati due tre giri in cui tutti guardavano, aspettavano e andavano lenti – le sue parole ai microfoni di Sky Sport MotoGP – È stato difficile, ero lì a 200 metri da questo gruppo che andava veramente piano e avevo paura che continuassero ad aspettare anche nell’ultimo giro e di non riuscire a migliorare il tempo che avevo fatto nella prima uscita. Sono contento per la squadra, primo e secondo un’altra volta, terza pole position consecutiva dopo Silverstone e Misano. La gara sarà difficile e molto fisica, sarà importante la gestione degli pneumatici, per fortuna penso che la Ducati abbia una buona gestione delle gomme, per cui siamo messi bene. Sarà importante la strategia e la partenza, e come si comportano le moto con lo pneumatico dietro. Se andrò via in partenza? Vedremo, sarà una gara da gestire e grande concentrazione. Vedremo chi sarà più forte negli ultimi giri”.

Dovi: "Con Bautista ho rischiato di cadere"

Si poteva fare meglio, ma sono contento. Fare il giro buono è sempre complicato anche perché in qualifica vanno tutti forte” ha detto Andrea Dovizioso che domani si ritroverà tra Lorenzo e Marc Marquez, al centro della prima fila. “Abbiamo lavorato bene, soprattutto nel turno 4 abbiamo fatto un altro step e come passo gara siamo molto veloci.  Ma dobbiamo arrivare a 23 giri in buone condizioni e questo lo scopriremo solo domani in gara.  Ringrazio la squadra perché partiamo subito forte ma riusciamo a migliorare e ad adattarci alle piccole differenze che troviamo nei weekend e che fanno la differenza in gara”. Quando poi gli è stato chiesto dei piloti hanno atteso che i più veloci passassero per provare a sfruttare la loro scia, ha aggiunto: “Purtroppo quando si entra in pista tutti insieme è un disastro, anche perché sono pochi i piloti che possono tirare gli altri. Quando io, Marc e Vinales abbiamo rallentato, anche gli altri hanno rallentato. Sono riuscito a trovare la finestra migliore possibile, purtroppo Bautista non ha fatto un giro perfetto e me lo sono trovato davanti a metà giro, l’ho sorpassato con una staccata abbastanza aggressiva e ho rischiato di cadere, ma a parte questo sono contento. E lo sono soprattutto per il passo gara perché siamo veramente veloci. In gara la differenza la farà il consumo gomme. Io, Jorge e Marc siamo quelli con un passo migliore degli altri, ma anche Crutchlow, Danilo e le Suzuki hanno un buon passo, per cui all’inizio possiamo essere anche un bel gruppone”.