Marc Marquez / Getty Images
in foto: Marc Marquez / Getty Images

Ancora poche ore e i protagonisti della MotoGP torneranno in pista per il secondo turno di test pre-campionato 2018 per la prima volta al Chang International Circuit di Buriram, in Thailandia, tracciato inserito quest’anno nel calendario del Motomondiale e dove si tornerà il prossimo 7 ottobre per il Gp di Thailandia. Tutto nuovo per i piloti che da venerdì 16 a domenica 18 febbraio avranno la possibilità di continuare il lavoro in vista dell’inizio del mondiale ma soprattutto prendere confidenza con una pista praticamente sconosciuta a tutta la griglia.

Marquez: "Pista nuova, prima però qualche giro con lo scooter"

Pista nuova e mai studiata nei dettagli anche per il campione del mondo in carica Marc Marquez che, in occasione del Gala della Federazione motociclistica spagnola, nel ritirare la medaglia d’oro al merito sportivo, ha così chiarito il suo approccio al nuovo tracciato asiatico: “La pista di Buriram è nuova per tutti. Abbiamo la fortuna di poter studiare i video del World SBK – le derivate di serie corrono al Chang International Circuit dal 2015, ndr – e sicuramente lo prepareremo nel miglior modo possibile” sono state le parole di Marquez riportate da MotoGP.com. “Con questo test abbiamo la fortuna di poter conoscerne il disegno, abbiamo a disposizione molti giorni e credo che prima di tutto farò qualche giro con lo scooter”. Lavoro doppiamente importante dopo primi test in Malesia che hanno dato importanti indicazioni sul passo gara – in particolare Marquez è stato velocissimo nel ritmo costante – ma anche sulla prestazione assoluta con Dani Pedrosa e il pilota della struttura satellite Cl Crutchlow che hanno chiuso con il secondo e il terzo tempo in classifica combinata. In HRC proseguirà il lavoro sul nuovo motore, una versione evoluta rispetto all’assaggio dei test di Valencia, oltre che su telaio e aerodinamica che al momento sembrano restare il vero nodo della nuova RC213V.