La Direzione Gara ha deciso di sanzionare Marc Marquez per aver ostacolato Maverick Vinales durante le Q2 del Gp delle Americhe di Austin. Negli ultimi minuti del turno, Vinales arrivava da un giro veloce e si era ritrovato Marquez lento in traiettoria. Costretto a chiudere il gas, il pilota della Yamaha lo ha evitato, per poi di sfilare e rimproverarlo con evidenti gesti di disappunto.

Marquez penalizzato, perde la pole di Austin

L’azione in pista è finita sotto investigazione da parte della Direzione Gara che dopo le qualifche ha convocato i due piloti e deciso di penalizzare Marquez di tre posizioni in griglia, per cui domani in gara non sarà lo spagnolo ad aprire lo schieramento di partenza. Marquez perde dunque la pole e scatterà dalla quarta casella, proprio davanti a Valentino Rossi. In compenso, dal punto di vista formale, la pole del Gp delle Americhe resta comune assegnata al campione spagnolo che quindi conserva il record di sei pole position ad Austin ma domani, di fatto, non prenderà il via dalla prima casella.  A partire dalla pole sarà invece Maverick Vinales che condividerà la prima fila con Andrea Iannone e Johann Zarco. Con Marquez e Rossi in seconda fila ci sarà quindi Lorenzo. Aggiornamento: la Direzione Gara ha ufficializzato un’ulteriore penalizzazione: dopo le qualifiche è stato sanzionato anche Pol Espargaro, sempre per guida irresponsabile, per aver ostacolato Tito Rabat. Come Marquez anche il catalano della KTM verrà penalizzato di una fila in griglia e, anziché dalla 12 posizione, scatterà dalla 15esima casella.

Commissari più severi da Austin

Le decisioni della Race Direction arrivano all’indomani delle conclusioni raggiunte nell’incontro della Safety Commission di questo venerdì tra i piloti e Carmelo Ezpeleta, durante il quale è stato deciso che, a partire da questo fine settimana in poi, verrà adottato un approccio più severo nella valutazione delle possibili infrazioni al regolamento. Primo segnale di inasprimento che va a toccare in particolare Marquez quando la bufera per i fatti accaduti nel turbolento Gp di Argentina non si è ancora placata. Nonostante le giustificazioni (“Non pensavo di avere dietro Vinales, ero più attento a Iannone che mi stava aspettando”) lo spagnolo oggi era un osservato speciale e non poteva davvero pensare di farla franca. Dopo la sfuriata in pista, da parte sua Vinales ha preferito non sollevare ulteriori polemiche (“È stato un incidente di gara, io come pilota giudico il mo lavoro, le decisioni spettano alla Direzione Gara”).

Ecco come cambia la griglia di partenza

1a fila
1 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha
2 29 Andrea IANNONE ITA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki
3 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha
2a fila
4 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda
5 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha
6 99 Jorge LORENZO SPA Ducati Team Ducati
3a fila
7 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda
8 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati
9 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda
4a fila
10 9 Danilo PETRUCCI ITA Alma Pramac Racing Ducati
11 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki
12 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda
5a fila
13 53 Tito RABAT SPA Reale Avintia Racing Ducati
14 38 Bradley SMITH GBR Red Bull KTM Factory Racing KTM
15 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM
6a fila
16 55 Hafizh SYAHRIN MAL Monster Yamaha Tech 3 Yamaha
17 21 Franco MORBIDELLI ITA EG 0,0 Marc VDS Honda
18 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati
7a fila
19 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia
20 12 Thomas LUTHI SWI EG 0,0 Marc VDS Honda
21 19 Alvaro BAUTISTA SPA Angel Nieto Team Ducati
8 fila
22 45 Scott REDDING GBR Aprilia Racing Team Gresini Aprilia
23 17 Karel ABRAHAM CZE Angel Nieto Team Ducati
24 10 Xavier SIMEON BEL Reale Avintia Racing Ducati