Jack Miller stacca la sella e la lancia in pista / MotoGP
in foto: Jack Miller stacca la sella e la lancia in pista / MotoGP

Un problema alla sella e un gesto che ha messo a serio rischio l’incolumità dei piloti alle sue spalle. Una situazione di quelle che non si dovrebbero mai vedere in un Gran Premio e che invece lascia tanti dubbi sui parametri di valutazione adottati dai commissari e dall’intera organizzazione del Mondiale.

Miller stacca la sella e la lancia in pista

Nel corso del secondo giro del GP del Qatar, dopo una ottima partenza che lo aveva visto transitare sul traguardo in seconda posizione, Jack Miller ha avuto un problema alla spugna della sella che lo ha portato a liberarsene in corsa. Un guaio che lo avrebbe costretto al ritiro dopo la prima metà gara ma che in quegli istanti ha lasciato increduli tanti appassionati ma soprattutto i piloti che hanno visto qualcosa volare via dalla moto dell’australiano. “Non so esattamente cosa sia successo ma prima dell’ultima curva ho visto volare questo pezzo – ha raccontato Aleix Espargarò che in quel momento viaggiava in 11esima posizione dietro a Valentino Rossi – . È stata una situazione molto pericolosa, non capivo cosa gli fosse successo. Pensavo avesse avuto un incidente, faceva linee strane e ho perso un sacco di tempo per passarlo”.

La seduta avrebbe potuto colpire i suoi avversari ma, a fine gara, tra le emozioni per lo spettacolare duello tra Andrea Dovizioso e Marc Marquez e le polemiche per il ricorso presentato da quattro team contro la Ducati, il brutto gesto è passato in secondo piano. “Jack ha dovuto rallentare per un problema alla spugna della sella ed è stato costretto a liberarsene in corsa” fanno sapere dal team Pramac al termine di una notte particolarmente sfortunata per i suoi due piloti.

Purtroppo, dopo il problema alla sella, non potevo più controllare la moto nelle curve ed era impossibile rimanere in piedi – ha spiegato Miller – . Il ritiro è stato un vero peccato perché in questo weekend siamo andati molto forte, ma rimangono le sensazioni positive”. Dello stesso avviso anche Francesco Bagnaia, costretto anche lui a rientrare ai box dopo pochi giri in seguito a un contatto alla prima curva che gli ha fatto perdere l’aletta destra: “C’è stato un sorpasso molto aggressivo su Petrucci che mi ha toccato, rompendo l’ala – ha detto Bagnaia – . Ho provato ma era impossibile continuare. Abbiamo comunque lavorato bene ed i primi giri sono stati importanti per capire come guidano gli altri”.