Dani Pedrosa, 33 anni / KTM Racing
in foto: Dani Pedrosa, 33 anni / KTM Racing

Quando si arriva al punto in cui si trova Zarco, probabilmente la cosa migliore da fare è lasciare la squadra”. La pensa così Dani Pedrosa, vincitore con la Honda di 31 gare in MotoGP, un titolo di campione del mondo in classe 125 e due nella 250, da quest’anno in KTM con il ruolo di collaudatore della moto austriaca affidata ai piloti impegnati in campionato. “Rispetto molto Johann, è un grande pilota. Ma in un momento come questo non so come reagire”.

Non sarà Pedrosa a sostituire Zarco in KTM

All’indomani dell’ultimo Gran Premio disputato al Red Bull Ring di Spielberg, la KTM ha reso nota la decisione di risolvere l’accordo con Johann Zarco che, nel 2020, non completerà il secondo dei due anni previsti dal contratto con il team ufficiale. Con le speranze di trovare un posto in MotoGP che, salvo colpi di scena, per la prossima stagione sono pari a zero, e il posto lasciato libero in KTM a riaccendere le voci su chi sarà il pilota che lo sostituirà al box, uno dei primi nomi venuti fuori è stato proprio quello di Pedrosa.

In un’intervista al canale austriaco Servus tv, Pedrosa ha assicurato che non prenderà il posto di Zarco quando, a fine stagione, il francese lascerà la squadra: “Io sono tester KTM e credo che questo sarà il mio ruolo anche in futuro – dice lo spagnolo, ospite dell’emittente televisiva insieme a Miguel Oliveira, pilota della KTM Tech3, e Pit Beirer, direttore sportivo della KTM. “Sono molto più rilassato ora che in passato, non devo sopportare la pressione delle gare. Posso concentrarmi sui test e non pensare molto alle gare. Questo è il mio piano” ha spiegato Pedrosa.

Anche Beirer, che già in passato ha dichiarato che Pedrosa “non ha più intenzione di correre”, ritiene un’operazione fantasiosa quella di mettere lo spagnolo su una KTM 2020 per qualcosa di diverso dai test. “Siamo innanzitutto contenti del lavoro svolto da Dani nei test e di come si è integrato nel team. Stiamo già beneficiando molto del suo lavoro, per questo è molto importante per noi averlo in squadra nel ruolo che ha adesso. Possiamo lasciare che gli altri fantastichino un po’ ma Dani ha una missione molto chiara con noi ed è a questa che stiamo lavorando”.