È la stella Marc Marquez a brillare nella prima notte del Gp del Qatar. Autore del miglior passaggio in 1’53.380, nuovo primato del circuito con quasi 5 decimi di vantaggio sul primo inseguitore, il campione in carica ha rotto da subito gli indugi, frantumando già alla prima uscita il riferimento trovato da Valentino Rossi nelle FP1 e dettando il ritmo delle libere 2.

Traino Vinales e rischio con Rabat

Una prestazione perfetta quella del #93, riuscito ad abbassare di 3 decimi il record siglato lo scorso anno da Joahnn Zarco e fortunato a ritrovarsi il traino di Maverick Vinales che a fine turno, durante il time attack, lo precedeva in pista. Importante dichiarazione di forza da parte del campione spagnolo, con anche il brivido di un incidente nella prima metà turno, quando si è ritrovato Tito Rabat davanti in traiettoria e lo ha passato sfruttando l’interno della curva 7. Un sorpasso che ha costretto Rabat a raddrizzare la moto per evitare il contatto.

Indietro Rossi, 17°

Secondo turno di libere ripartito da condizioni che, viste le previsioni meteo che danno vento e temperature più basse per domani, saranno forse le più simili a quelle che i piloti ritroveranno in gara ma anche le più conventi per cercare il migliore personale. Guardando la classifica, alle spalle di Marquez e Vinales, balza in terza posizione Jack Miller, primo delle Ducati con la Desmosedici del team Pramac davanti alla Rossa ufficiale di Danilo Petrucci, quarto a 6 decimi dalla vetta. Impressiona Fabio Quartararo, quinto con la Yamaha satellite davanti alla Ducati di Andrea Dovizioso e al compagno di squadra Franco Morbidelli, settimo con la M1 Petronas e incappato anche in una caduta, senza particolari conseguenze, alla staccata della curva 1. Completano la top ten Aleix Espargaro e Joan Mir, riuscito a scavalcare Jorge Lorenzo, 11° a fine turno. Solo 17° Valentino Rossi, il solo pilota in classifica a non essere riuscito migliorare il proprio personale.

Classifica dei tempi MotoGP

Prove libere 2 Gp del Qatar, Losail 8/3/2019
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 351.7 1'53.380
2 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 337.1 1'53.854 0.474 / 0.474
3 43 Jack MILLER AUS Alma Pramac Racing Ducati 351.6 1'53.908 0.528 / 0.054
4 9 Danilo PETRUCCI ITA Mission Winnow Ducati Ducati 343.8 1'54.053 0.673 / 0.145
5 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 337.3 1'54.154 0.774 / 0.101
6 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Mission Winnow Ducati Ducati 349.1 1'54.256 0.876 / 0.102
7 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 343.1 1'54.275 0.895 / 0.019
8 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 341.2 1'54.320 0.940 / 0.045
9 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 346.9 1'54.367 0.987 / 0.047
10 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 346.1 1'54.402 1.022 / 0.035
11 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 342.9 1'54.428 1.048 / 0.026
12 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 347.3 1'54.444 1.064 / 0.016
13 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 350.7 1'54.452 1.072 / 0.008
14 63 Francesco BAGNAIA ITA Alma Pramac Racing Ducati 343.2 1'54.801 1.421 / 0.349
15 53 Tito RABAT SPA Reale Avintia Racing Ducati 347.2 1'55.032 1.652 / 0.231
16 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 344.7 1'55.053 1.673 / 0.021
17 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 343.0 1'55.137 1.757 / 0.084
18 5 Johann ZARCO FRA Red Bull KTM Factory Racing KTM 341.4 1'55.412 2.032 / 0.275
19 29 Andrea IANNONE ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 343.1 1'55.432 2.052 / 0.020
20 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 345.0 1'55.635 2.255 / 0.203
21 17 Karel ABRAHAM CZE Reale Avintia Racing Ducati 342.0 1'55.654 2.274 / 0.019
22 55 Hafizh SYAHRIN MAL Red Bull KTM Tech 3 KTM 337.8 1'56.437 3.057 / 0.783
23 38 Bradley SMITH GBR Aprilia Factory Racing Aprilia 345.6 1'56.834 3.454 / 0.397