Il primo dei due giorni di test ufficiali a Jerez si chiude con Danilo Petrucci davanti a tutti, autore del miglior tempo di giornata in 1’37.968 seguito dalla Ducati del compagno di Andrea Dovizioso che si è dovuto accontentare del secondo crono ad appena due decimi dalla vetta dopo essere incappato in una caduta alla curva 5, fortunatamente senza particolari conseguenze, quando nelle fasi finali stava migliorando il proprio personale.

Terzo tempo per Takaaki Nakagami, primo dei piloti Honda con la RC213V del team LCR, davanti allo spagnolo della Yamaha Maverick Vinales e al campione in carica della Honda Marc Marquez. Sesto tempo per Franco Morbidelli che si conferma particolarmente veloce e efficace in sella alla Yamaha del team Petronas, precedendo Jorge Lorenzo e Jack Miller. Diverse le novità provate dai piloti, in particolare per il maiorchino che ha girato con alcune modifiche sulla sua nuova RC213V, in particolare alla seduta che risulta più larga e nella zona del serbatoio che mostra un profilo più accentuato.

Completano la top ten della prima giornata di test Alvaro Bautista (che sostituisce il collaudatore Ducati Michele Pirro – finito sotto i ferri per risolvere una lesione ai tendini della spalla destra) e l’esordiente Joan Mir, decimo in classifica dopo anche una caduta in curva 7 che questa mattina ha portato all’esposizione della bandiera rossa, necessaria per riparare l’airfence danneggiato. Mir è passato anche dal centro medico dove sono state escluse particolari conseguenze prima di riprendere la via della pista. Per il pilota spagnolo, come per il compagno di squadra Rins, la Suzuki ha messo a disposizione nuovi motore e telaio.

Di un soffio fuori dai dieci Andrea Iannone, scivolato con la sua Aprilia senza conseguenze, seguito da Tito Rabat e Alex Rins. Quattordicesimo tempo per Pecco Bagnaia che ha continuato il suo apprendistato sulla Ducati del team Pramac. Alle sue spalle Fabio Quartararo e Pol Espargaro. Indietro Valentino Rossi che non è riuscito ad andare oltre il 17° tempo dopo anche un problema tecnico che nella seconda parte della giornata lo ha costretto a fermarsi a lungo in pista. Completano la classifica dei tempi della prima giornata di test Bradley Smith, Johann Zarco, Karel Abraham, Hafizh Syahrin, Sylvain Guintoli, Miguel Oliveira e il test rider dell’Aprilia Matteo Baiocco che sostituisce Alex Espargaro, costretto al forfait per una gastroenterite ma che domani proverà a tornare in sella.