Valentino Rossi è finito nuovamente a terra oggi pomeriggio nel corso delle Q1, dopo aver perso il controllo della sua Yamaha alla staccata della prima curva del Sachsenring, una scivolata finita nella ghiaia che gli ha comunque permesso di passare alle Q2, dove però non è andato oltre l’11° tempo. A conquistare la pole è stato uno stratosferico Marc Marquez che sull’Anello di Sassonia ha invece messo in fila la sua decima partenza al palo. “Abbiamo fatto il possibile ma Marc ha un passo della Madonna” la battuta del rookie francese Fabio Quartararo, primo dei piloti Yamaha in griglia, secondo sullo schieramento davanti al compagno di squadra Maverick Vinales.

Rossi: "La caduta mi ha tolto fiducia"

Valentino, invece, scatterà dalla quarta fila, dietro anche alla M1 satellite di Franco Morbidelli, settimo in qualifica. “Rispetto a ieri, sia nelle FP3 sia nelle FP4 siamo riusciti a migliorare un po’. Il passo non era male, ma è mancato il giro secco, perché in qualche curva siamo in difficoltà, soprattutto nel quarto settore  – l’analisi di Rossi ai microfoni di Sky Sport. – Ero riuscito a passare la Q1 facendo un bel giro, ma purtroppo ho fatto una scivolata che mi ha fatto perdere un po' di fiducia” spiega il pesarese, alla quarta caduta in quattro weekend di gara con quelle rimediate nei GP del Mugello, Barcellona ed Assen.

Valentino Rossi / Getty
in foto: Valentino Rossi / Getty

La squadra è stata molto brava e veloce a sistemare la moto, che era quella con cui mi trovavo meglio, ma nelle Q2 non avevo il giusto feeling e non sono stato particolarmente veloce, per cui partirò solamente undicesimo. Per domani dovremo scegliere la gomma posteriore, si parla di media o dura, ma c’è anche la possibilità della soft. Bisognerà vedere le temperature di domani perché le previsioni meteo dicono che stanotte dovrebbe piovere e domani dovrebbe essere una gara asciutta, ma con molta meno temperatura”.

Valentino Rossi dopo la caduta nelle libere 1 / MotoGP.com
in foto: Valentino Rossi dopo la caduta nelle libere 1 / MotoGP.com

Dall’altro lato del box ufficiale, Vinales ha avuto qualcosa da recriminare: “È stata una qualifica molto bella, ma non ho ottenuto il massimo a cui sarei potuto arrivare – ammette il ‘Top Gun’ catalano – . “Alla fine non ho fatto il mio miglior giro perché alla curva 12 l’anteriore si è chiuso e ho perso tanto. Potevo fare meglio, ma credo che non avrei raggiunto Marquez. L’incrocio di sguardi con lui in pit-lane? Alla fine nessuno vuole andare avanti, ma in quel momento avevo il sesto tempo e sono andato senza pensarci. In ogni caso è stato un buon giro, dunque sono fiducioso in vista di domani”.