Gomme distrutte e temperature che con il calare della notte mettono in crisi la sua Yamaha. Valentino Rossi ha vissuto un’altra serata difficile in Qatar, non riuscendo a superare il taglio delle Q1 per cui domani scatterà dalla quinta fila, 14° sullo schieramento di partenza. “È difficile, perché siamo nei guai” ha ammesso alla fine di una serata che lo ha visto faticare con le gomme e distruggere in pochi giri l’anteriore, un problema al quale nel suo box non sono ancora riusciti a trovare una soluzione. “Non sono veloce perché ho molto degrado all’anteriore, quindi vado abbastanza piano. Oggi abbiamo migliorato un po’  la situazione ma non è bastato”.

Valentino Rossi / Getty
in foto: Valentino Rossi / Getty

Sarà una gara difficile, perché dovrò partire indietro e, come passo, con le gomme usate sono molto in difficoltà. Stiamo cercando di capire quale sia il problema, però per il momento non lo sappiamo”. Problemi che non sembrano avere il compagno di squadra Maverick Vinales, che scatterà dalla pole, e neanche le M1 satellite dell’esordiente Fabio Quartararo e di Franco Morbidelli, rispettivamente 4° e 8° in griglia. “Maverick è stato bravissimo, ha fatto 1’53.5 da solo e gli faccio i miei complimenti, ha guidato veramente bene. Anche Quartararo e Morbidelli sono andati bene. Io invece, non ho feeling sull’anteriore, quindi faccio fatica a spingere e la gomma si rovina velocemente. Colpa del telaio diverso da quello di Vinales? Non credo, non c’è molta differenza, e poi è lo stesso che usano Fabio e Franco. Sembra più un problema legato al setting. Se sarà possibile un rimonta? Di solito quando si parte dal 10° in giù comincia a diventare difficile, e un conto è se sei veloce, ma sbagli il giro. Il mio passo però non è niente di speciale, quindi sarà dura”.