Dal settore delle assicurazioni arrivano buone notizie per gli automobilisti italiani. Dopo il calo del 25% registrato nel periodo compreso tra il 2012 e il 2018, i prezzi delle Rc auto continuano a scendere: a confermare il dato è l'Ivass, l'Istituto per le vigilanza sulle assicurazioni, che ha reso noto come, nel primo trimestre 2019, il premio medio per la garanzia Rc auto effettivamente pagato per i contratti stipulati o rinnovati è pari a 406 euro, in calo dello 0,9% su base annua.

Gli under 25 rimangono i più tartassati

Un ribasso che, seppur non così consistente, ha permesso agli automobilisti italiani di risparmiare qualcosa rispetto all'anno precedente: secondo i dati forniti dall'Ivass, infatti, il 50% degli assicurati paga meno di 363 euro mentre 10% riesce a scendere sotto la soglia dei 229 euro. A pagare di più, però, sono sempre gli under 25 per i quali il premio si attesta su una media ancora molto elevata e pari a 729 euro mentre i più agevolati risultano essere gli over 60 con un premio medio di 381 euro.

Ad incidere sulla diminuzione dei prezzi contribuisce in maniera decisiva l'utilizzo della scatola nera tanto che il 21,1% delle polizze prevede la riduzione del premio legata proprio alla presenza delle cosiddette "black box" con una diffusione che raggiunge picchi del 64,1% a Caserta mentre è meno diffusa al Nord con Trento e Belluno che si attestano rispettivamente su valori del 7% e del 5,7%. Particolarmente significativo, poi, non è solo il calo dei prezzi, ma anche le diminuzioni di prezzo su base annua in alcune province del Sud Italia: a Catanzaro, Brindisi ed Enna, infatti, le riduzioni hanno toccato rispettivamente quota -4,3%, -3,8% e -3,4% mentre gli aumenti di prezzo registrati sono contenuti e mai superiori al 2%  come nei casi di Gorizia e Rovigo con un +1,6% e Ferrara che raggiunge il +1,8%.