Fiat 500L
in foto: Fiat 500L

Tempo di richiami per FCA, la holding nata dalla fusione di Fiat e Chrysler. Dopo i richiami annunciati a inizio settimana per le Jeep Grand Cherokee e le Dodge Durango del 2012-2013, la casa di Detroit ha diffuso una nota che coinvolge anche le Fiat 500L prodotte nel 2014 e commercializzate in Nordamerica. I veicoli richiamati sono circa 19.500, di cui 18.100 negli Usa e 1.400 in Canada. Il gruppo ha fatto sapere che non tutte le auto richiamate sono circolanti, dal momento che circa il 20% è presso i concessionari. Il problema riscontrato da diversi automobilisti e all'origine del richiamo volontario della Fiat riguarda il software che gestisce il sistema a doppia frizione e sei cambi.

Nello specifico, il programma non risponde o è lento ai comandi di cambio marcia. Il difetto, secondo gli ingegneri di FCA, risiede in un microcontroller che, se sottoposto a temperature estreme, non reagisce come dovrebbe. L'azienda italo-americana ha fatto sapere che al momento non sono stati segnalati incidenti o feriti per il problema riscontrato. Il difetto sarà risolto grazie ad un aggiornamento del software e sarà interamente a carico di FCA. I proprietari interessati saranno contattati nei prossimi giorni per programmare la data di consegna.