Jonathan Rea – Getty
in foto: Jonathan Rea – Getty

Sono servite cinque ore per arrivare a una decisione: la Race Direction, che inizialmente aveva ritenuto il contatto all’ultima curva tra Jonathan Rea (Kawasaki) e Alex Lowes (Yamaha) un incidente di gara, ha deciso di penalizzare il nordirlandese di una posizione, ai sensi dell’art. 1.21.2 del Regolamento sportivo, e di farlo partire ultimo nella Sprint Race di 10 giri che scatterà oggi alle 11. Rea, che in gara-1 ha tagliato il traguardo in 3° posizione, perde dunque la terza piazza, interrompendo così la sua striscia di 24 podi consecutivi con la Kawasaki. Il terzo posto va a Marco Melandri (GRT Yamaha WorldSBK).

Rea penalizzato per il contatto con Lowes

Dopo una riunione, la Direzione Gara ha deciso una doppia punizione per il pilota Kawasaki – si legge nella nota diffusa dalla Superbike nella serata di sabato – . Rea perde il risultato ottenuto in Gara 1 […] e scatterà dall'ultima casella dello schieramento al via della Superpole Race. In questo modo, Alvaro Bautista (Ducati) partirà dalla pole seguito da Marco Melandri (GRT Yamaha WorldSBK) e da Alex Lowes (Yamaha), il cui risultato è stato pregiudicato in Gara 1”.

Quello che ha visto coinvolto Rea è stato un episodio spiacevole, proprio nel finale di gara-1 a Jerez. All’ultima curva, durante il duello per la terza posizione, il pilota della Kawasaki ha affondato un attacco su Lowes, con il britannico della Yamaha che è finito a terra, chiudendo la gara nella ghiaia a pochi metri dal traguardo. Rea ha immediatamente chiesto scusa, andando poi al box Yamaha per sincerarsi delle condizioni di Lowes e manifestare il proprio dispiacere per quanto accaduto. “All’ultima curva, ho cercato di rientrare verso l’interno e ci siamo toccati – ha spiegato Rea – . Non meritava di andare a terra, mi dispiace davvero”. Scuse ritenute evidentemente non sufficienti dalla Direzione Gara ma e anche da Bautista: “Fossi stato Lowes avrei fatto reclamo, intervengono per questioni banali, questa non lo era” ha detto il pilota spagnolo che in questo modo allunga ulteriormente il suo vantaggio su Rea in campionato ed oggi avrà ancora la possibilità di incrementare il margine e involarsi verso il titolo iridato 2019.