Kimi Raikkonen – LaPresse
in foto: Kimi Raikkonen – LaPresse

Il puzzle della Formula 1 comincia a mettere a posto anche gli ultimi pezzi: dopo l'addio di Raikkonen alla Ferrari, che di fatto lascia via libera a Charles Leclerc, ecco l'annuncio dell'Alfa Romeo Sauber: a prendere il posto del monegasco sarà proprio Kimi Raikkonen, che ha firmato per la scuderia italo-elvetica per le stagioni 2019 e 2020.

Il finlandese torna dove tutto è iniziato

Si tratta di un ritorno alle origini per il pilota finlandese che proprio in Sauber aveva iniziato a muovere i primi passi in Formula 1: era il 2001 quando Raikkonen debuttava nella massima serie del motorsport proprio al volante della vettura elvetica. Dopo 17 anni l'uomo, diventato campione del mondo nel 2007, torna dove tutto era iniziato: immutata la voglia di Raikkonen di continuare a correre che, nonostante l'età non più verdissima, ha deciso di rimettersi in gioco firmando un contratto con la scuderia svizzera, brandizzata Alfa Romeo, per le prossime due stagioni.

Dopo aver portato a casa 20 vittorie e 100 podi, Kimi Raikkonen affronterà quindi l'ennesima sfida di una carriera che l'ha visto prima ritirarsi, nel 2009 per dedicarsi ai rally, e poi tornare in Formula 1. Adesso l'ennesima parentesi per il finlandese con l'Alfa Romeo Sauber che non vede l'ora di abbracciare il campione del mondo 2007: "La firma di Raikkonen come nostro pilota rappresenta un pilastro importante del nostro progetto e ci avvicina al nostro obiettivo di fare progressi significativi come squadra nell'immediato futuro. Il talento indiscusso di Kimi e l'immensa esperienza in Formula 1 non solo contribuiranno allo sviluppo della nostra vettura, ma accelereranno anche la crescita e lo sviluppo della nostra squadra nel suo complesso. Insieme, inizieremo la stagione 2019 con una solida base, guidata dalla determinazione a lottare per i risultati che contano" ha dichiarato Frédéric Vasseur, CEO di Sauber Motorsport e Team Principal del team Alfa Romeo Sauber F1.