Sebastian Vettel – LaPresse
in foto: Sebastian Vettel – LaPresse

Nessuna promessa, ma la voglia di dimostrare che la Ferrari vista in Australia è solo la brutta copia di quella che lotterà per il mondiale: Sebastian Vettel si presenta in Bahrain, la pista sulla quale detiene il record di di vittorie, convinto di poter disputare una gara all'altezza delle aspettative. Il tedesco, dopo aver chiuso ai piedi del podio a Melbourne, è pronto al riscatto per cercare di rosicchiare punti alla coppia Mercedes.

Il tedesco vede una Ferrari competitiva in Bahrain

Il lavoro fatto dai tecnici di Maranello nella settimana di pausa è stato importante tanto che alcune delle cause che hanno provocato l'opaca prestazione delle Rosse in Australia sono già state individuate, ma sarà la pista a dire se il peggio è ormai alle spalle. Il tedesco, dal canto suo, è convinto di trovarsi tra le mani una Ferrari decisamente diversa rispetto a quella di Melbourne.

Abbiamo fatto molte analisi e trovato alcune risposte. Abbiamo capito alcune cose che in Bahrain ci permetteranno di essere competitivi. Non facciamo promesse, la verità è che dobbiamo aspettare e vedere. Quantificare il distacco in qualifica e gara è semplice, e abbiamo dati che se potessimo tornare indietro ci avrebbero permesso di fare meglio – ha detto il quattro volte campione del mondo nel consueto incontro con la stampa -. L'anno scorso, nella seconda parte della stagione, abbiamo costruito un'auto molto forte e siamo riusciti a sviluppare quella macchina fino alla pausa estiva. Poi ci siamo evoluti nella direzione sbagliata e quando siamo riusciti a tornare c'erano tre o quattro gare cruciali e abbiamo perso troppo. Nel complesso, c'erano dei lati positivi. In Formula 1 se vinci va tutto bene, se perdi deve per forza essere tutto negativo, ma per me non è così, c’erano tante cose positive ed è stato fatto un buon lavoro che è valso un secondo posto nel mondiale.

La Ferrari, in Bahrain, si aspetta di tornare di nuovo competitiva lottando ruota a ruota con la Mercedes, grande rivale di stagione. Il tedesco ha voglia di tornare alla vittoria su un tracciato che già in 4 occasioni lo ha visto chiudere davanti a tutti: quella del 2019 potrebbe essere la gara giusta per rimettersi subito in carreggiata e mandare in archivio l'esordio australiano come un semplice incidente di percorso.