Un inizio di weekend, quello vissuto dalla Ferrari, di difficile interpretazione: la Rossa, infatti, è apparsa meno brillante rispetto alle altre sessioni di prove libere fin qui disputate nel corso del mondiale 2019, chiusa da una Mercedes apparsa subito in gran condizione. Una battaglia, quella tra gli uomini di Maranello e le Frecce d'argento, che è appena iniziata e che entrerà nel vivo nel corso delle diverse sessioni con la qualifica a fare a spartiacque.

Sebastian Vettel – Getty images
in foto: Sebastian Vettel – Getty images

La Ferrari, grazie alla nuova power unit evoluta, è pronta a dare battaglia su un tracciato che, appena qualche mese fa, l'aveva vista grande protagonista con l'exploit nei test invernali, conclusi con il miglior tempo seppur con pochi millesimi di vantaggio su Lewis Hamilton. Stavolta la storia darà diversa, con i punti mondiali in palio, ma sia Sebastian Vettel sia Charles Leclerc si augurano che l'epilogo possa essere lo stesso:

Sono contento, il nuovo motore va bene, siamo soddisfatti anche se è solo venerdì ed è difficile sapere cosa fanno gli altri – ha dichiarato ai cronisti presenti sul circuito – . Per quanto riguarda la vettura abbiamo messo tutto quello che ci aspettavamo di montare, anche se non siamo stati i più veloci oggi. Stiamo lavorando duramente e stiamo ancora cercando perché, su certi tipi di curve, perdiamo. Non è la prima volta quest’anno che succede.

Leclerc: "Niente panico, sul passo non siamo messi male"

Nonostante i tre decimi rimediati nella seconda sessione di prove libere, però, il primo a predicare calma è il giovane Leclerc: il monegasco, che ancora cerca la vittoria dopo l'inconveniente in Bahrain che l'ha privato del primo trionfo in carriera e l'incidente a Baku che gli ha impedito di agguantare una pole position quasi certa, è convinto che la Ferrari, in Spagna, farà bene: "Oggi sono stato meno contento con il bilanciamento rispetto ai test, ma è una cosa normale quando si portano così tanti pezzi nuovi sulla macchina. Ci vuole un po' di tempo per ritrovare il bilanciamento che vogliamo, ma niente panico. Nei long run abbiamo gestito un po' come tutti, ma secondo me non siamo messi male sul passo" ha sottolineato il giovane Leclerc convinto che in gara possa giocarsi la vittoria con le Mercedes.