"Il vincitore morale è Vettel, lui ha passato il traguardo per primo". Così aveva parlato il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, nel convulso post gara del Canada quando, in seguito a una penalità di 5 secondi comminata dai commissari per una manovra giudicata scorretta su Lewis Hamilton, il tedesco della Ferrari, pur tagliando il traguardo per primo, si è visto retrocedere in seconda posizione cedendo lo scettro del vincitore al rivale e scatenando l'ira di tutti i tifosi del Cavallino che già pregustavano il dolce sapore della prima vittoria stagionale e la riapertura di un mondiale che, a questo punto, appare dal finale già scritto.

L’amarezza di Sebastian Vettel sul podio del GP del Canada – Ferrari
in foto: L’amarezza di Sebastian Vettel sul podio del GP del Canada – Ferrari

L'agenzia di scommesse pagherà anche chi aveva puntato su Vettel

Il team principal della Ferrari, in attesa di presentare appello, però, non è l'unico ad eleggere Vettel come vincitore della gara di Montreal: la Snai, agenzia di scommesse, ha deciso di applicare il "justice payout" nei confronti del pilota tedesco pagando così tutte le scommesse che vedevano il ferrarista – quotato a 4 volte la posta prima del weekend – vincente sotto la bandiera a scacchi del Canada onorando così sia la classifica ufficiale, che ha visto Hamilton vincitore del GP, sia quella ufficiosa con il quattro volte campione del mondo a tagliare il traguardo davanti a tutti.

Un'iniziativa doverosa, come spiegano dall'ufficio quote, per una gara intensa e combattuta ma con un finale deludente per i tifosi della scuderia di Maranello e della Formula 1 in generale, oltre che per gli scommettitori che hanno visto andare in frantumi la propria giocata per una decisione alquanto controversa e che, in attesa dell'appello Ferrari, potrebbe ancora essere ribaltata. Nella battaglia mediatica che si è scatenata tra chi pretendere il rispetto delle regole e chi, invece, invoca un passo indietro a favore dello spettacolo, quindi, ci sono i bookmakers che, con una decisione salomonica, hanno deciso di premiare sia chi aveva scommesso su Vettel sia chi aveva puntato su Hamilton.