L'automobilismo è una passione viscerale. Il clima esaltante dell'attesa della partenza, il fermento dei box, la trepidazione delle prove e poi, il momento di adrenalina pura: lo scatto alla partenza delle monoposto che si lanciano a velocità folle per il primo giro della gara. Per un amante della Formula Uno non c'è nulla di più dolce del rombo dei motori, e l'assistere dal vivo alle gare – che per la stagione 2019 verranno trasmesse in chiaro in diretta da TV8 – è un piacere ineguagliabile. Spinti da questa irresistibile passione, anche molti cantanti hanno dedicato brani alle loro case del cuore o ai piloti preferiti, e alcuni sono diventati dei veri e propri classici.

Piloti entrati nel mito su un tappeto di note

Il binomio “motori-cantautori” non può non far pensare al grande Lucio Dalla, che non solo dedicò due brani indimenticabili rispettivamente a Tazio Nuvolari e Ayrton Senna (“Nuvolari” e “Ayrton”), ma anticipò il dibattito sull'inquinamento con “Anidride Solforosa” e le possibilità della mobilità del futuro ne “Il motore del 2000”. Anche lui bolognese come Dalla, Claudio Lolli dedicò invece una canzone a Gilles Villeneuve (“Villeneuve”) poco dopo la sua tragica morte. Alla memoria di Ronnie Peterson è dedicata “Faster”, scritta dall'ex Beatle George Harrison. Il pilota svedese morì nel 1978 per le conseguenze di un incidente avvenuto subito dopo la partenza del Gran Premio d'Italia a Monza.

Ferrari & Co.: miti italiani che non tramontano

La passione per le auto e per la Formula Uno sono radicate nel nostro paese anche grazie al mito della Ferrari, la Rossa di Maranello. La casa del cavallino rampante, tuttavia, non è famosa solo in patria, ma anche all'estero. Tra i suoi estimatori c'è Jason Kay, frontman della band acid-jazz funk Jamiroquai, noto per possedere una Ferrari LaFerrari di un inedito Kermit Green, un verde particolarmente brillante. Anche Raoul Casadei ha dedicato un brano, “La Rossa”, alla Ferrari, mentre il rapper Gué Pequeno ha cantato la “Lamborghini”, altro mito assoluto Made in Italy.

E se a cantare fossero i piloti?

Cantare mentre si è al volante è un vero piacere, e in pochi ci rinunciano. Lo sa bene Lodovica Comello, che nel suo programma “Singing in the car” ha tirato fuori la vena musicale di tanti concorrenti. In questo divertente video è a fianco del conduttore e cantautore Barty Colucci e si chiede quale canzone intonerebbero i piloti di Formula Uno sfrecciando a 240 km/h sull'asfalto di un circuito. Cosa canterebbe Sebastian Vettel nell'abitacolo della Ferrari? E Lewis Hamilton? Forse “Vita Spericolata” di Vasco Rossi? Oppure “(Un, dos, tres) Maria” di Ricky Martin? Scopritelo nel video, mentre cresce l'attesa per il debutto su TV8 della Formula Uno con la stagione 2019.