La Ferrari di Sebastian Vettel dopo l’incidente alla curva 19 / Getty
in foto: La Ferrari di Sebastian Vettel dopo l’incidente alla curva 19 / Getty

Prima giornata di libere ad Abu Dhabi in difesa per la Ferrari, con Charles Leclerc autore del terzo tempo e Sebastian Vettel nella scia del monegasco rispettivamente a poco più di 3 e 4 decimi dal riferimento siglato dalla Mercedes di Valtteri Bottas. Per i due ferraristi la giornata è stata segnata da un incidente alla curva 19, dove entrambi sono finiti contro le barriere, con conseguenze più importanti per il tedesco che nelle libere 1 ha danneggiato la sospensione posteriore sinistra, portando anche alla sostituzione precauzionale del cambio.

Incidente fotocopia ad Abu Dhabi

Leclerc ha invece colpito le barriere nelle prime fasi delle libere 2 anche se il bilancio di questa prima giornata è stato ad ogni modo positivo. “Penso che ci sia un po’ di coincidenza negli errori di entrambi – ha dichiarato il monegasco a fine giornata – .  Nell’ultimo settore facevo più fatica perché le gomme andavano in surriscaldamento nel terzo settore. Per questo ho perso il controllo della vettura in quel punto, come anche Sebastian, ma l’importante sarà non fare questo errore domani. Abbiamo margine di miglioramento con le gomme soft nella gestione della gara mentre con le gomme dure è stata una giornata positiva. Stamattina era iniziata male perché le Fp1 sono state una delle sessioni più difficili dell’anno, ma nelle libere 2 abbiamo fatto un grande step in avanti, per cui dobbiamo continuare così e cercare di avere un bilancio ancora migliore domani”.

Dello stesso avviso anche Vettel che, dopo l’assenza giustificata di ieri per la nascita del suo terzo figlio, ha dovuto rispondere anche alle domande sul chiarimento avuto con il compagno di squadra dopo l’incidente di Interlagos: “Qui non siamo in Brasile – dice il tedesco che ha poi aggiunto – . Credo che non ci sia molto di più da comprendere, entrambi siamo scontenti dell’esito della gara ma siamo due persone adulte, abbiamo parlato uno con l’altro e analizzato il più possibile quanto accaduto insieme a Mattia (Binotto, il team principal Ferrari, ndr). Ovviamente vogliamo voltare pagina e fare in modo che non si ripetano più situazioni del genere”.

Vettel: "Soffriamo quando le gomme si surriscaldano"

Quanto alla giornata in pista, Vettel ha chiarito di aver ritrovato allo Yas Marina parte dei problemi avuti nelle ultime gare. “Abbiamo sofferto con gli stessi fattori. Sappiamo che nelle curve che si percorrono a velocità medio-bassa non siamo abbastanza rapidi, e soprattutto nel terzo settore fatichiamo molto – è stato il bilancio di giornata del tedesco – .  Soffriamo molto quando la gomma si surriscalda e la macchina diventa molto difficile da guidare, ma cercheremo di fare del nostro meglio per avere un weekend solido. Migliorando l’assetto, pensiamo di poter lottare per un buon risultato”.