Il ruolo di figlio d'arte comincia a stargli stretto, Mick Schumacher ha dimostrato, con la vittoria nell'Euro Formula 3, di avere ereditato non solo il cognome, ma anche gran parte delle qualità del padre Michael, il pilota più vincente di tutti i tempi in Formula 1; la prossima stagione, con il passaggio in Formula 2, sarà il banco di prova più importante per dimostrare di avere le capacità per competere con i più grandi.

Mick Schumacher – LaPresse
in foto: Mick Schumacher – LaPresse

Anche Mercedes tra le scuderie interessate

Un cognome ingombrante quello che porta il giovane tedesco, ma che non gli pesa più di tanto; essere il figlio del pilota più vincente della storia è un bella responsabilità, ma anche un biglietto da visita importante per giocarsi al meglio le proprie chance. L'attenzione delle grandi scuderie del mondiale si è già fatto sentire, con il team principal della Ferrari a dichiarare come, per lui, ci sarà sempre spazio a Maranello e la Toro Rosso che lo avrebbe accolto già in questa stagione. All'elenco, adesso, si è aggiunta anche la Mercedes che, per bocca di Toto Wolff, ha ammesso come il futuro di Mick Schumacher potrebbe tingersi d'argento.

Ha vinto il campionato di Formula 3 quest’anno con i motori Mercedes, il che è fantastico, ma non fa parte del programma junior Mercedes-Benz – ha dichiarato il team principal delle Frecce d'argento durante la cerimonia di premiazione della FIA– la cosa più importante è dargli tempo. Ha già sulle spalle questa pesante eredità di avere un padre che è stato il pilota di Formula 1 più vincente di tutti i tempi. Ora sta andando in Formula 2 e dovrebbe essere una sfida di nuovo molto complicata, contro tanti piloti esperti. Michael Schumacher ha iniziato la propria carriera come pilota giovane della Mercedes con i prototipi ed è diventato il più grande di tutti i tempi. Io non ho dubbi che abbia il potenziale per essere un pilota di successo in Formula 1. Magari lo sarà con noi un giorno, o magari no.

C'è anche la Mercedes, quindi, tra le pretendenti a Mick Schumacher in vista di un suo eventuale passaggio in Formula 1. La prossima stagione dirà molto sul talento – già messo in mostra nel 2018 – del giovane tedesco e sulle sue possibilità in futuro: la massima serie del motorsport non è un'ossessione, il figlio d'arte più famoso del momento vuole arrivare a giocarsi le proprio chance di titolo con i più grandi, ma prima deve dimostrare di avere la stoffa del campione. La strada tracciata dal padre è pronta per essere percorsa, a breve potrebbe esserci ancora uno Schumacher a scrivere la storia della Formula 1.