La MotoE ha fatto oggi al Sachsenring il suo esordio nel Motomondiale. La nuova categoria dedicata alle due ruote alla spina è scesa in pista per la prima giornata di prove che ha segnato ufficialmente l’inizio della nuova era elettrica del Mondiale. A quasi quattro mesi dall’incendio di Jerez che, nella notte del 13 marzo, ha distrutto l’e-Paddock con tutte le 23 moto all’interno, l’incessante lavoro di Energica, l’azienda italiana leader del segmento delle sportive a zero emissioni e fornitore unico della serie, insieme a quello dei partner e delle squadre impegnate in MotoE, ha fatto sì che, con un ritardo di poco più di un mese e mezzo, il campionato potesse oggi essere ai nastri di partenza. Sei gli appuntamenti previsti, in quattro weekend di gara: dopo il Sachsenring, la MotoE tornerà al Red Bull Ring, (9-11 agosto), a Misano (13-15 settembre) con due gare, e a Valencia (15-17 novembre) con le ultime due gare.

Di Meglio al comando, Gibernau a ridosso dei 10

Nomi illustri tra i 18 piloti in pista, con ex campioni del mondo ed ex piloti MotoGP pronti a darsi battaglia fin dalla prima giornata di libere conquistata dal francese Mike Di Meglio in sella alla Energica del team Marc Vds con il miglior passaggio in  1’28.547, ovviamente lontano dalle prestazioni fatte segnare in Moto3 e MotoGP. Alle sue spalle il finlandese Niki Tuuli del team Ajo che già al mattino ha mostrato grande confidenza con l’Energica Ego, forte di una guida scorrevole e perfezionata nella Supersport 600, categoria in cui ha fatto bene in passato. Terzo tempo di giornata per lo spagnolo Hector Garzo del team Tech3 che ha contenuto in appena 1 decimo il ritardo. Bene anche gli italiani, guidati da Alex De Angelis settimo a fine giornata, e il rookie Matteo Ferrari in decima posizione. 11° Nicolò Canepa, 14° Mattia Casadei, 16° Lorenzo Savadori. A ridosso della top ten anche Sete Gibernau che, a 46 anni e 10 di distanza dal suo ultimo ritiro, ha trovato il 12° tempo di giornata.

Domani si deciderà lo schieramento con la novità più spettacolare del weekend, la nuova e-Pole, alle 16, la qualifica con il format del singolo giro che stabilirà la griglia di partenza. Ogni pilota scenderà in pista per una sola volta, affrontando un giro di lancio, un giro di qualifica e un giro di rientro, per cui sarà tutto da indovinare al primo colpo. Domenica occhi puntati sulla prima gara, alle 10, precedendo in programma la partenza della Moto3.