Valentino Rossi / Getty Images
in foto: Valentino Rossi / Getty Images

Sono soddisfatto ma non contento, mi sarebbe piaciuto salire sul podio”. Valentino Rossi non nasconde l’amarezza del quarto posto dopo una gara combattuta contro rivali pronti a non far sconti a nessuno, a partire da Andrea Dovizioso, tornato alla vittoria nella sua gara numero 100 con la Ducati, a Jorge Lorenzo e Marc Marquez che non ha potuto nulla contro un’irresistibile Ducati.

Rossi: ”Soddisfatto ma non contento”

Il quarto posto conquistato con un sorpasso all’ultima chicane ai danni di Crutchlow permette al Dottore di limitare i danni nel mondiale, dove passa da 46 a 49 punti il ritardo dal leader Marc Marquez che ha chiuso dietro alle due Ducati. “Sapevamo che sarebbe stata difficile, perché durante le prove l mio passo non era niente di che, sapevo che sarebbe stata difficile perché le due Ducati e anche Marquez erano più veloci. Ho cercato di stare lì fino alla fine ma nella seconda parte, quando la gomma ha cominciato un po’ a scivolare ho sofferto un po’ di più” ha detto ai microfoni di Sky Sport MotoGP. “Il sorpasso all'ultimo giro a a Crutchlow? È stata una bella lotta, alla fine sono riuscito a batterlo ma non è bastato per il podio”.

”Per il podio serviva un regalo dei tre davanti”

Diversamente da Dovizioso, Lorenzo e Marquez che hanno optato per gomme dure, Rossi ha scelto gomma morbida all’anteriore. “Con la Yamaha anche Vinales e Zarco sono partiti con la media, perché – per come è fatta la M1 – la gomma dura davanti non si riesce a sfruttare. Per quanto mi riguarda il problema non è stata la gomma media. Ci sono un ci sono un po’ di rimpianti ed è stato un peccato perché fisicamente sono in forma, sto guidando bene e ai box stiamo facendo un buon lavoro, abbiamo fatto le scelte giuste. Secondo me era il massimo che potevamo fare, Ci manca un po’ di accelerazione soprattutto quando le gomme scivolano, per cui dovremo cercare di migliorare. Ma oggi per il podio serviva un regalo dai tre davanti. Fino a quando la gomma tiene la nostra gomma non è male, l’abbiamo dimostrato anche ieri in qualifica che con la gomma soft la nostra moto si guida benissimo e sono riuscito a partire in prima fila ma quando la gomma inizia a scivolare facciamo fatica a tenere lo spin e loro a ogni accelerazione vanno via. Sotto questo aspetto purtroppo siamo in ritardo”.

Domani i test, poi subito in Austria

Domani a Brno ci saranno i test post-gara che potrebbero servire a trovare nuove soluzioni in attesa che dalla Yamaha arrivi quello step di elettronica chiesto a gran voce anche da Vinales. “Proveremo a mettere a posto domani in accelerazione, purtroppo non abbiamo tantissime cose” ha aggiunto Valentino. “Sarò molto importante perché domenica prossima siamo in Austria, una delle piste più difficili per noi, per cui se riusciamo a fare anche un piccolo passo sarebbe importante per stare vicino a quelli davanti”.