Tra i temi della conferenza stampa di apertura in Qatar, la questione relativa all’orario della gara MotoGP. Dorna e l’organizzazione locale hanno fissato la partenza per le 20 ora locale, un’ora più tardi rispetto al 2018, ma viste le condizioni della pista e le tante cadute registrate nell’ultima giornata di test precampionato, diversi piloti avevano chiesto di anticipare la partenza della gara alle 19 (le 17 in Italia). Una richiesta avanzata subito dopo i test da Jorge Lorenzo e chiaramente condivisa dalla maggior parte dei piloti MotoGP che, nell’incontro della Safety Commission di domani, proporranno di anticipare la partenza di un’ora.

Il primo entrare nell’argomento è stato proprio Lorenzo: “Sicuramente domani parlerò di questo in Safety Commission, perché la temperatura qui cala parecchio e si alza molto l’umidità. Questo rende la pista molto pericolosa. In ogni caso, cercherò di migliorare l'assetto della mia moto anche per queste condizioni”.

Mi sembra che l’anno scorso la gara fosse alle 7, e per me è meglio – ha tagliato corto Valentino Rossi. D’accordo anche Andrea Dovizioso. “Il punto è che ogni giorno le condizioni sono diverse. L’umidità a volte inizia molto presto e altre volte no, quindi forse è meglio prendere una decisione in anticipo e gareggiare prima. Il problema che è già durante il weekend si fanno due turni di prove, e questa non è la cosa ideale per preparare la gara”.

Molto chiaro anche il campione del mondo in carica Marc Marquez: “L’anno scorso abbiamo corso alle 19 ed è stata un ottima gara. La temperatura era ottima, quindi preferirei che la partenza fosse alle 19. Meno rischi e uno spettacolo migliore”. “Dobbiamo sicuramente parlarne in Safety Commission – ha sottolineato anche Maverick Vinales – . Come hanno detto anche gli altri piloti, alle 19 il rischio sarebbe molto inferiore e si potrebbe spingere di più. Sarebbe sicuramente uno spettacolo migliore”.