Jorge Lorenzo / Repsol Honda
in foto: Jorge Lorenzo / Repsol Honda

Nessun addio anticipato. Jorge Lorenzo rispetterà il biennale con la Honda che scadrà alla fine del 2020. A screditare le voci che lo volevano deciso a smettere a fine anno è il manager del cinque volte iridato, Albert Valera, in una smentita che da poco spazio all’immaginazione. D’altra parte Lorenzo, costretto al ritiro forzato dopo la frattura della sesta vertebra dorsale e quella trabecolare dell’ottava rimediata nel brutto incidente di Assen, ha preferito non commentare i tanti messaggi di fan e appassionati preoccupati dalle indiscrezioni.

Valera: "Lorenzo rispetterà il contratto"

È totalmente falso che Jorge voglia smettere, ha un anno e mezzo di contratto, e vuole rispettarlo” le parole del manager di Lorenzo alla rosea Gazzetta che ieri ha portato a galla la questione. Sull’ipotesi di un ritiro anticipato, anche il compagno di squadra Marc Marquez non si era fatto cogliere impreparato, pensando a un prossimo futuro del fratello Alex in MotoGP. “In Honda non c’è posto, tutti hanno un contratto e non voglio mancare di rispetto a nessuno, né nei confronti di Jorge né dei compagni di marca Crutchlow e Nakagami” ha detto lo spagnolo nel dopo-gara del Sachsenring.

Per Lorenzo non è certo un momento positivo, reduce da un calvario di infortuni che va avanti da dieci mesi. Tutto è cominciato con la frattura della caviglia destra nel brutto volo al via della gara di Aragon dello scorso anno, quindi la frattura del polso sinistro in Thailandia, per cui aveva saltato tre gare, e dello scafoide, sempre sinistro, in un allenamento in Italia, che gli era costato i test di Sepang con la Honda. Poi in Qatar, la caduta in cui si è procurato la frattura di una costola, e i due brutti voli del Montmelò e dieci giorni fa ad Assen. Ora dovrà portare un busto ortopedico per rinsaldare le vertebre, con tempi di recupero che parlano di 3-4 settimane. Se tutto procederà come previsto, Lorenzo potrebbe rientrare a inizio agosto a Brno, per il GP della Repubblica Ceca. Per lui i prossimi giorni saranno di riposo e relax, alle Maldive. Al rientro dalle vacanze, nuovi esami chiariranno l’evolversi della situazione.