Dani Pedrosa / GettyImages
in foto: Dani Pedrosa / GettyImages

Con le ufficialità arrivate nelle ultime settimane, prende sempre più forma la griglia di partenza del 2019. Ad aver riconfermato in toto la propria line-up è stato solo il team Yamaha ufficiale che già alla vigilia di questa stagione ha annunciato il rinnovo di Maverick Vinales e Valentino Rossi, mentre i team ufficiali Honda, Ducati e Suzuki schiereranno tutti una coppia inedita di piloti. Ultimo, in ordine di tempo, è stato l’annuncio del prolungamento del contratto di Jack Miller con il team Pramac Ducati dove affiancherà il rookie Francesco Pecco Bagnaia, mentre a dividere il box del team ufficiale saranno Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Suzuki, invece, affiderà le due GSX-RR ad Alex Rins e al neo acquisto Joan Mir che prenderà il posto di Andrea Iannone passato a sua volta in Aprilia, mentre Honda schiererà un autentico dream team formato da Marc Marquez e Jorge Lorenzo. Il maiorchino prenderà il posto di Dani Pedrosa che, al momento, non ha ancora rivelato il suo destino.

Pedrosa in Yamaha? Jarvis: “Saremmo felici”

Negli ultimi giorni si è fatto gran parlare dell’ipotesi di un passaggio di Pedrosa alla Yamaha dove restano da decidere le sorti del team satellite che dal 2019 non sarà più gestito da Tech3. Alle due M1 è interessata la società petrolifera malese Petronas che, oltre ai colloqui con Yamaha, starebbe sondando la possibilità sfruttare il supporto tecnico del team Aspar oltre a valutare la situazione di Marc Vds che, in seguito alla crisi interna, potrebbe decidere di abbandonare la MotoGP. In questo scenario, con Pedrosa in Yamaha dovrebbe approdare anche il campione in carica della Moto2 e attuale portacolori Marc Vds Franco Morbidelli. A chiarire la posizione di Yamaha è il managing director del team, Lin Jarvis, che in un’intervista allo spagnolo Marca ha confermato l’interesse della casa dei Tre Diapason per il veterano di Sabadell: “La situazione di Dani è qualcosa che è emerso solo nelle ultime settimane – ha dichiarato Jarvis – Se Dani dovesse decidere di guidare una Yamaha satellite, sarebbe molto positivo e un piacere per la Yamaha. Abbiamo avuto contatti negli anni precedenti ed è qualcosa che ho sempre avuto in mente. Quindi se Dani fosse uno dei nostri piloti, la Yamaha ed io saremmo molto felici”.

Trattativa in corso

Una condizione essenziale per trovare un accordo sembra però essere la possibilità che Pedrosa abbia accesso a una Yamaha con specifiche 2019 che gli consentirebbe di dividere i dati con Rossi e Vinales. D’altra parte, sia il Dottore che il ‘Top Gun’ catalano si sono espressi favorevolmente su un eventuale arrivo di Pedrosa in Yamaha, in particolare per la ultradecennale esperienza in sella alla Honda ufficiale che potrebbe portare un contributo importante nello sviluppo della M1. “Le trattative stanno procedendo e mi sento ottimista” ha aggiunto Jarvis. “Credo che troveremo una buona soluzione. Spero arrivino presto notizie positive per il 2019 e oltre”.