151 CONDIVISIONI
19 Ottobre 2014
12:05

MotoGP, Phillip Island. Marquez: “La caduta? Ho cambiato lo stile di guida”

“Ho provato ad impostare uno stile diverso ma non è andata bene” spiega el Cabroncito scivolato alla curva 10 non solo per le basse temperature che hanno messo in crisi l’anteriore asimmetrica.
A cura di Valeria Aiello
151 CONDIVISIONI

Quella sporca dozzina non vuole proprio arrivare, quasi fosse una sorta di maledizione che si abbatte da quattro round a questa parte: dopo aver centrato le prime dieci tappe stagionali e l’undicesima vittoria a Silverstone, è dal round al Misano World Circuit Marco Simoncelli che Marc Marquez non riesce a cogliere il gradino più alto del podio. Nelle ultime quattro gare, il fenomeno di Cervera è caduto ben tre volte ad esclusione dello scorso weekend, quando con il secondo posto alle spalle di Jorge Lorenzo era riuscito a centrare matematicamente il secondo titolo in classe regina. La scivolata di oggi durante la gara del GP d’Australia brucia e di fatto rimanda a Sepang l’aggancio al record delle 12 vittorie in una sola stagione di Mick Doohan.

“La temperatura ha messo in crisi la gomma”

Marc Marquez aveva la vittoria praticamente in tasca: dopo aver fatto il vuoto nelle prime tornate, il 21enne di Cervera ha tirato troppo la corda, scivolando alla curva 10, quando a 10 giri dal termine era al comando della corsa. Le basse temperature del circuito di Phillip Island hanno mandato in crisi lo pneumatico anteriore asimmetrico portato a Phillip Island dalla Bridgestone ma che ha creato non pochi problemi molti piloti che hanno chiuso con un pesante zero in bilancio il round australiano. “Fino al momento della caduta la gara stava andando molto bene” ha spiegato Marc Marquez. “Nella seconda parte della corsa però, la temperatura è calata davvero tanto e quando me ne sono accorto ho rallentato il ritmo. La gomma però è scesa di temperatura e così ho perso l’anteriore alla curva 10. Come si vede dalle immagini” prosegue lo spagnolo “sono caduto ancora prima di iniziare a piegare, appena ho toccato il freno. Ora abbiamo qualche indicazione in più per il prossimo anno”.

“Le Yamaha avevano una gomma diversa”

Le Yamaha sono riuscite a gestire meglio la situazione perché avevano montato le extrasoft” aggiunge il quattro volte campione del mondo tradito dalla scelta della slick anteriore asimmetrica portata da Bridgestone a Phillip Island in risposta al caso gomme scoppiato lo scorso anno sul circuito australiano, quando i piloti furono costretti al cambio moto durante la gara per l’eccessivo degrado dei pneumatici. Sulla nuova mescola Marquez prosegue: “Lo scorso anno la Bridgestone ha sbagliato per l’impossibilità di provare in anticipo il nuovo asfalto. Quest'anno però credo che abbiano lavorato bene, puntando su una linea sicura, con la gomma dura molto dura. Il problema è che quando veniamo qui fa sempre molto freddo ed è difficile scaldare il lato destro della gomma: è per questo che vediamo sempre tante cadute”.

“Ma non è stata solo colpa delle gomme”

Oggi però è stato anche un mio errore” rivela el Cabroncitoperché senza la pressione del titolo ho provato ad impostare uno stile di guida diverso, ma non è andata bene. Ora per le ultime due gare ci riproverò, magari cambiando il finale”.

151 CONDIVISIONI
La Honda non si fida del recupero di Marquez: trattative con due big della MotoGP
La Honda non si fida del recupero di Marquez: trattative con due big della MotoGP
Mistero sul futuro di Marc Marquez: la strana assenza a poche settimane dall'inizio della MotoGP
Mistero sul futuro di Marc Marquez: la strana assenza a poche settimane dall'inizio della MotoGP
La strana previsione di Marc Marquez su Valentino Rossi: "Continuerà anche dopo il suo ritiro"
La strana previsione di Marc Marquez su Valentino Rossi: "Continuerà anche dopo il suo ritiro"
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
F. Quartararo Yamaha
Yamaha
278
2
F. Bagnaia Ducati
Ducati
252
3
J. Mir Suzuki
Suzuki
208
4
J. Miller Ducati
Ducati
181
5
J. Zarco Ducati
Ducati
173
Pos.
Team
Punti
1
Ducati
357
2
Yamaha
309
3
Suzuki
240
4
Honda
214
5
Ktm
205
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni