Il boss di Tech3 Hervé Poncharal / Getty Images
in foto: Il boss di Tech3 Hervé Poncharal / Getty Images

Prime dichiarazioni pubbliche per Hervé Poncharal, numero uno del team Tech3, dopo la notizia che a fine stagione la squadra francese terminerà la collaborazione ventennale con la Yamaha e dal 2019 passerà alle moto di un altro costruttore, che quasi sicuramente sarà KTM.

“Accordo di tre anni per moto ufficiali”

A togliere ogni dubbio sull’identità del nuovo partner di Tech3 è proprio Poncharal, intervenuto ad After The Flag di MotoGp.com. “Quello che posso dirvi, è che l’annuncio arriverà molto presto. Avremo un accordo triennale per il 2019, 2020 e 2011, e ogni anno avremo le ultime specifiche” ha detto il manager francese in collegamento telefonico. “In ognuno di questi anni ci saranno quattro moto in griglia con esattamente le stesse specifiche, quelle del team ufficiale e quelle del team Tech3” Il costruttore, se ci fosse ancora qualche dubbio, è “coinvolto in Moto3, Moto2 e MotoGPprosegue Poncharal. “Quindi ci sarà un chiaro percorso per avere giovani piloti attraverso la Moto3, Moto2 per poi attivare in MotoGp nello junior team e, se poi sono abbastanza bravi, nel team ufficiale”.

“Zarco? Sarebbe un sogno averlo con noi”

Tech3 (come il team KTM ufficiale) non ha ancora annunciato i piloti per il 2019. Il contratto di Johann Zarco – che è stato il più veloce nei test precampionato in Qatar – scadrà a fine 2018, e per il transalpino l’obiettivo certamente una moto di un team ufficiale. “Ho sempre detto, dalla fine del 2017, che Zarco merita una moto ufficiale perché è l’ultima cosa di cui ha bisogno per poter finalmente lottare per il mondiale MotoGP. Chiaramente questo non accadrà in Yamaha. Penso che sognasse Vinales da qualche altra parte o che Valentino decidesse di fermarsi presto. Ma in ogni caso Maverick ha rinnovato e Valentino, anche se non è stato ancora annunciato, credo non sia più un segreto che rimarrà. Quindi non c’è spazio per lui nel team Yamaha ufficiale. Sa dove andremo l’anno prossimo e credo che sia entusiasta della sfida. In questo momento con il suo manager guarderà tutte le opzioni, ma sarebbe un sogno averlo con noi”.