Vettel e Wehrlein – Getty Images
in foto: Vettel e Wehrlein – Getty Images

Porte girevoli in casa Ferrari. In principio era stato l'arrivo di Charles Leclerc, al posto di Kimi Raikkonen finito all'Alfa Romeo Sauber, a dare una prima ventata di novità alla Ferrari, poi ci ha pensato il ribaltone al vertice con l'addio di Arrivabene e la promozione di Mattina Binotto al ruolo di team principal, a ridisegnare l'assetto della Rossa. Adesso, però, potrebbe esserci un nuovo arrivo: come pilota di sviluppo, infatti, il Cavallino sembra essere ormai a un passo da Pascal Wehrlein.

Wehrlein a un passo, sarà il pilota di sviluppo della Rossa

Il pilota tedesco, che nel 2017 aveva corso con la Sauber, ha visto scadere il proprio contratto con la Mercedes e con il nuovo anno è ora libero di firmare con un'altra scuderia: proprio la Ferrari, visto anche il rapporto di amicizia che lo lega a Sebastian Vettel, sembra essere il team perfetto per crescere prendendo il ruolo che fu di Daniil Kvyat, passato ora alla Toro Rosso. Una trattativa che lo stesso Wehrlein ha ammesso specificando però come non sia ancora del tutto chiusa.

Ci sono dei colloqui in corso, ma non è stato ancora confermato nulla– ha dichiarato alla testata tedesca Motorsport-Magazin.com –. Uno dei motivi per cui ho scelto la Formula E è che posso anche lavorare in altri campionati. Lo scorso anno dissi di essere molto interessato a fare qualcos’altro oltre alla Formula E e un ruolo alla Ferrari rappresenterebbe ovviamente una ottima opportunità. Vettel? È da molto tempo che vado piuttosto d’accordo con lui. Fino a che punto è stato coinvolto non posso però valutarlo.

Dopo il rifiuto di Robert Kubica, che ha preferito cedere alle lusinghe della Williams che gli offriva un posto da titolare per il 2019, sembrerebbe quindi essere proprio il tedesco il pilota scelto dalla scuderia italiana per ricoprire il ruolo di pilota di sviluppo; Wehrlein, che secondo la Bild è già stato a Maranello nei giorni scorsi, avrebbe così la possibilità di aiutare Sebastian Vettel e Charles Leclerc testando l'auto al simulatore facilitando così il lavoro di messa a punto e sviluppo nell'arco della stagione 2019. Ogni tessera del puzzle Ferrari sta piano piano andando a posto, l'affare che porterà il tedesco ad essere il terzo pilota della Rossa sembra ormai in dirittura d'arrivo.