Valentino Rossi e Carlo Cassina nella storia del Monza Rally Show. Sesta vittoria con quelle del 2006, 2007, 2012, 2015 e 2016, la terza di fila per il Dottore e il suo fido navigatore che alla guida della Ford Fiesta 1.6 nella prova rally battono i rivali Andrea Mikkelsen/Thierry Neuville su Hyundai NG i20 e Marco Bonanomi/Gigi Pirollo su Citroen DS3, aggiudicandosi l’edizione 2017 dell’evento brianzolo.

Rossi: "Finale incredibile"

Il pesarese si è distinto nelle finali più lunghe (3 su 9), prove considerate più idonee ai piloti di pista rispetto ai rallysti per la propensione alla costanza su un tracciato che si ripete. Tuttavia, il campione di Tavullia ha dovuto dare tutto nelle ultime due speciali, dopo anche la penalizzazione di 10 secondi arrivata al termine della PS7, dopo in una verifica tecnica dei commissari di gara hanno riscontrato un peso della vettura inferiore di 7 kg rispetto al minimo consentito dal regolamento. “È stato un finale incredibile, è successo veramente di tutto” ha detto Valentino Rossi ai microfoni di Sandro Donato Grosso per Sky Sport. “Tutta la gara è stata tirata secondo per secondo ma oggi tutti e tre abbiamo avuto problemi diversi ma alla fine ce l’abbiamo fatta, quindi siamo veramente contenti. È stata la vittoria più emozionante”.

in foto: da sinistra, Carlo Cassina (57 anni) e Valentino Rossi (38 anni) sul podio di Monza / credit: Autodromo Nazionale di Monza / Rigato Romanò

Cassina: "Pensavo di essere su ‘Scherzi a parte'"

La sanzione sembrava aver ormai compromesso le possibilità di vittoria ma grande abilità di Rossi sulle quattro ruote, complice anche l’errore commesso da Bonanomi nell’ultima speciale – il pilota lombardo ha sbagliato in un tornante, lasciando spegnere la sua Citroen DS3 – hanno permesso al campione di Tavullia di riscrivere la storia del Monza Rally Show, diventando il pilota più vincente di sempre. Una vittoria per nulla scontata, come fatto notare da Cassina. “Inaspettata è il termine giusto ma, detto tra noi, quando è uscito fuori che abbiamo vinto, io gli ho detto: ‘Secondo me siamo su Scherzi a parte’. Rossi e Cassina hanno però dovuto cedere il passo nel Masters’ Show, la sfida a eliminazione diretta che li ha visti fuori in semifinale contro Bonanomi-Pirollo. “Il Masters Show non è mai stato il mio forte” ha ammesso il pesarese che per qualche sbavatura di troppo e un errore al tondo Santero, ha perso l’accesso alla finale per 3 secondi. Il pilota lombardo e il suo navigatore non sono però riusciti a imporsi nella manche decisiva, perdendo l’ultima sfida contro gli ufficiali Hyundai.