"Sono sopravvissuta ad un'operazione che è durata 11 ore ed è andata bene. Spero di stare meglio da adesso in poi – Così Sophia Floersch, con un lungo post su Instagram, racconta le sue sensazioni dopo l'incidente nel GP di Macao e un'operazione durata oltre dieci ore. –  Dovrò stare qui a Macau ancora qualche giorno prima di poter essere trasferitaRingrazio tutti per i messaggi e l'interesse, sto leggendo tutto quello che mi avete scritto: mi motivano tantissimo le vostre parole, mi danno coraggio. Penso anche a tutti quelli coinvolti nell'incidente, spero che tutti stiano bene".

Floersh: "Sopravvissuta, tornerò!"

Oltre dieci ore di intervento per ridurre la frattura spinale e rimuovere una scheggia ossea pericolosamente vicina al midollo. "Un vero grande ringraziamento va al personale medico di Macao per il trattamento amichevole e professionale. Un enorme ringraziamento al team di soccorso locale FIA, alla Mercedes Amg F1, alla Fia e a tutto il team medico del GP di Macao che mi ha supportato nel modo migliore. Un ringraziamento speciale anche al dott. Riccardo Ceccarelli e, ultimo ma non meno importante, il mio team Van Amersfoort Racing e i miei compagni di squadra che hanno sofferto con me – siete fenomenali. Tornerò!. E comunque… la Dallara ha costruito davvero un grande telaio".

I survived the operation which took 11 hours well. Hope from now on it only gets better. I have to stay a few more days in Macau until i am transportable. I want to thank all of my fans for every single get-well wishes, which I now start reading. This really motivates me and gives me courage. My thoughts are also with everyone who was involved in the accident. I hope everybody is healthy. At the accident were really nice people, which I still have in my mind. Thank you for all the encouraging, calming words in these tough minutes in my car. A real big thanks to the medical staff here in Macau for the friendly and professional treatment. A huge thank you to the local FIA rescue-team, @mercedesamgf1 , @hwaag_official, the @fia.official and their medical team in the background and the Macau GP organisation, who support me in the best way. Also a special thank to Dr. Riccardo Ceccarelli and last but not least my Team @vanamersfoortracing, @facuregaliaoficial and @fhabsburg62 , who all suffer with me – you are phenomenal. 🤜🏻I’m going to come back!🤛🏻btw… @dallaragroup has build a very stabil chassis. #poweredbypassion #racegirl #onefamily /ad

A post shared by Sophia 👑 (@sophiafloersch) on

Intervento lungo e complicato

Notizie positive quelle che arrivano dalla pilota e dall’ospedale Conde S. Januario di Macao dove è stata operata in seguito al terribile incidente, uno schianto violentissimo, dopo un volo a 220 km/h, che avrebbe potuto avere conseguenze ancora più gravi di quanto avute. Nell’impatto, la Floersh ha riportato una frattura alla settima vertebra cervicale complicata dalla presenza di una scheggia ossea, spiega in una nota il team Van Amersfoort Racing, molto vicina al midollo spinale. “Sophia è stata operata ieri. Ci sono volute più di nove ore per riparare la vertebra fratturata e rimuovere una scheggia ossea che si trovava pericolosamente vicino al midollo spinale. Il monitoraggio dei nervi mostra che le sue funzioni nervose vitali reagiscono bene e i segni iniziali danno una prospettiva positiva verso il suo recupero”.

Lanciata a oltre 200 km, la monoposto della Floersch è finita oltre le reti di protezione, contro la cabina con i fotografi, prima di cadere nello spazio riservato ai commissari. Frits Van Amersfoort, numero uno del team, ha ammesso di aver ricevuto una foto di Sophia sorridente dopo l’intervento. “Sembra felice e ci saluta, sembra che sia andato tutto bene – ha detto a MotorsportLa lesione alla vertebra era un po’ più grande di quanto pensassimo inizialmente, hanno preso un pezzo di osso dal fianco per riparare la frattura”. Fortunatamente, il midollo spinale non ha subito nessun danno. “Temevamo che la frattura spinale potesse implicare la paralisi, e per questo è stata operata immediatamente – ha spiegato in un’altra intervista alla BBC – ma possiamo dire per fortuna che tutto è andato per il verso giusto e non c'è più questa paura”.

Resterà in ospedale per due settimane

Primi segnali incoraggianti che "danno prospettiva positiva" verso il suo recupero – fa sapere il team olandese, un vero e proprio miracolo quello capitato alla Floersch che resterà in ospedale per le prossime due settimane e poi potrà lasciare la struttura. Stando anche a quanto dichiarato dalla direttrice della struttura, Lei Wai Seng, l'operazione ha richiesto "più tempo del previsto" e la pilota "può muovere liberamente i suoi arti". L'ospedale ha inoltre confermato che il pilota travolto dalla monoposto della Floersch, Sho Tsuboi, è stato dimesso nella serata di ieri, come anche uno dei due fotografi coinvolti. L'altro ha importanti lesioni all'addome e resterà in ospedale per almeno altri dieci giorni. Il commissario coinvolto, invece, ha diverse escoriazioni e una frattura alla mascella, ma dovrebbe lasciare l'ospedale entro due o tre giorni.